Clicca qui per entrare
Casi StudioSpotify Logo

Rethinking PalazzinaCreativa: rinnovarsi per crescere

Mag · 8 min. di lettura

Un lavoro di squadra per un riposizionamento che parte dall’identità.

Ci piace pensare ai brands come percorsi. Si parte con uno zaino da trekking pesante, colmo di aspettative e desideri, ma con una mappa sbiadita su cui non si vedono le svolte, gli imprevisti e gli ostacoli. Si programma la prima tappa e ce la si mette tutta per raggiungerla, faticando e concentrando tutti gli sforzi verso il raggiungimento di quel primo obiettivo. Durante il tragitto si incontrano persone, si condividono esperienze e, a volte, si inciampa. In certi momenti ci si fa prendere dallo sconforto e l’idea di mollare sembra la soluzione migliore, ma con coraggio ci si rialza e si prosegue, passo dopo passo, tappa dopo tappa.

I nostri valori come punto di partenza

La costruzione dell’identità di un brand diventa inevitabilmente parte di questo percorso. Nel 2015, quando abbiamo intrapreso il percorso PalazzinaCreativa, non sapevamo cosa aspettarci, eravamo pieni di idee, sogni e desideri. Volevamo dar vita a una realtà multidisciplinare nata dal connubio tra due mondi, apparentemente distanti, ma bensì complementari. Un’agenzia di comunicazione integrata al cui interno il cliente potesse ricevere un supporto sia strategico che operativo, e che permettesse di rafforzare qualsiasi progetto grazie ad un approccio multicanale. Tra prodotti stampati e prodotti digitali, l’obiettivo era andare oltre agli strumenti, ricercando le soluzioni di comunicazione più adatte per aiutare il cliente a raggiungere risultati migliori.

Questi primi anni sono andati così: ci hanno visti impegnati nella definizione dell’identità di Palazzina e coinvolti in un percorso di crescita davvero importante, sia livello di numeri, sia a livello di know-how. Il contesto in cui ci eravamo inseriti richiedeva competenze e conoscenze sempre più specifiche e l’asticella si alzava progressivamente. Ci siamo rimboccati le maniche e con passione e dedizione abbiamo percorso la strada che ci ha portati fin qui.

A distanza di quattro anni siamo cresciuti, in tutti i sensi. Abbiamo attraversato molte fasi di assestamento e, insieme a noi, sono cambiate anche le persone che hanno creduto nei nostri progetti e servizi. Abbiamo continuato a nutrire i rapporti con i clienti più affezionati e, contemporaneamente, ne abbiamo accolti di nuovi nella nostra famiglia, continuando ad allargare i nostri orizzonti.Oltre al fattore umano abbiamo visto maturare obiettivi e valori, in quello che possiamo definire un processo di perfezionamento continuo.

Per dare concretezza a questa nuova dimensione valoriale abbiamo deciso di apportare delle modifiche a tutto il sistema di comunicazione del nostro brand. Per farlo siamo partiti dalle radici, chiedendoci chi fossimo, cosa stessimo facendo e quale fosse la nostra ragion d’essere. Tutte queste domande ci hanno portato a fare una scelta difficile, ma inevitabile. Dovevamo ripensare la personalità di Palazzina, ridefinendo quindi l’intera identità. Quando si parla di brand identity generalmente si pensa a qualcosa di concreto, ad un logo, dei colori o degli elementi tipografici. L’identità della marca è, invece, un concetto che non si esaurisce in un mero segno grafico, ma diventa un sistema di elementi che rendono il brand apprezzabile per i valori che comunica e in cui l’utente può riconoscersi o sentirsi rappresentato.

Raccontare l’identità attraverso un simbolo

Il logo è l’elemento più riconoscibile del brand, per questo motivo abbiamo sentito l’esigenza di far partire il nostro restyling da qui. Un simbolo semplice, la nostra palazzina, laboratorio di idee la cui forza motrice è costituita dalle competenze, dalle passioni e dai diversi background di ognuno di noi. Nato come simbolo rappresentativo della nostra sede, è stato strutturato scegliendo un disegno che fosse elegante ma contemporaneo. La Palazzina che ci ospita, infatti, affaccia su una piazza storica, inserita in un contesto dal sapore classico e solenne. Il carattere tipografico scelto invece è il Bauer Bodoni, elegante e pulito, perfetto per titoli e testi brevi. Rispettando la natura del marchio stesso, ad inizio anno abbiamo deciso di apportare delle lievi modifiche al pittogramma. Lo abbiamo semplificato visivamente, privandolo di alcuni dettagli, migliorandone quindi la versatilità per renderlo riproducibile e adattabile ai nuovi supporti o canali di comunicazione, mantenendo invariato l’elemento testuale.

Perché non è tutto bianco o nero

All’interno del processo di ridefinizione dell’identità di Palazzina ci siamo quindi focalizzati sull’usabilità del nostro sito, che non rispondeva più efficacemente alle esigenze del nostro pubblico. Pensato originariamente come una vetrina per esporre i servizi offerti, nel tempo ci siamo resi conto che apparisse distante, statico e inadatto ad essere uno spazio comune di dialogo.

Volevamo di più.

Il nuovo sito web doveva valorizzare il vis e veicolare coerentemente la personalità dell’agenzia: più matura, consapevole e desiderosa di mettersi in gioco.

Per questo abbiamo deciso di stravolgerlo completamente. L’intera struttura è stata riprogettata, con una nuova alberatura e pagine più ricche di contenuti, per raccontare più intimamente l’universo Palazzina. Dalla pagina “Servizi” alla pagina “Noi” abbiamo deciso di dare voce al nostro background, ai valori in cui crediamo e al nostro metodo di lavoro. La sezione “Casi Studio” infatti racconta più da vicino i progetti che hanno coinvolto attivamente tutte le aree di Palazzina, tanto offline quanto online. Infine avere una sezione dedicata al nostro “Blog” rappresentava una grande sfida, nella quale non avevamo ancora avuto il coraggio di cimentarci. Gestire un blog oggi significa per noi impegnarci nella diffusione di contenuti rilevanti e offrire il punto di vista di Palazzina sulle tematiche legate al mondo della comunicazione e dell’innovazione, con l’intento di avviare un dialogo costruttivo, sia con i nostri utenti che all’interno del nostro team.

L’interfaccia è stata resa più dinamica ed incisiva, in linea con i trend UI più attuali, ma sempre nel rispetto della nostra identità. In seguito abbiamo effettuato uno studio approfondito della teoria del colore, consapevoli dell’importanza che questo elemento riveste nella psicologia delle persone, al fine di veicolare la corretta percezione del brand anche attraverso la componente cromatica.

Siamo giunti alla conclusione che il colore che ci dovesse rappresentare non poteva essere o solo il bianco o solo il nero. Il pensiero dicotomico tende a schematizzare, opera distinzioni nette, rigide e permanenti; noi ci sentiamo più flessibili, alla costante ricerca di elementi, idee, intuizioni, spunti che escono dai rigidi confini della logica.

Abbiamo imparato a pensare fuori dagli schemi per non restare fuori dai giochi.

Il gradiente nero è sofisticato, elegante, senza tempo, affidabile ed equilibrato. Gli elementi grafici presenti in homepage e all’interno di ogni pagina sono invece le forme geometriche di base che, reinterpretate e rimaneggiate, rappresentano il punto di partenza di ogni processo creativo in cui le idee espresse sono più importanti del risultato estetico e percettivo.

La nuova homepage del sito

In questo passaggio abbiamo scelto di riorganizzare anche le tecnologie di programmazione. Il sito è stato sviluppato in React, una libreria Javascript opensource sviluppata da Facebook, dotata di un linguaggio moderno e dinamico, in cui si coniugano la praticità di un back-end WordPress alle prestazioni di velocità del front-end React. L’obiettivo è aumentare e migliorare la velocità del sito. Così facendo siamo usciti dalla nostra comfort zone per sperimentare un nuovo linguaggio di programmazione e avere una maggiore padronanza di più strumenti di sviluppo.

La pagina “Servizi” in fase di sviluppo

PalazzinaCreativa entra così in una nuova fase: vogliamo crescere nel presente, con uno sguardo al futuro, facendo tesoro delle esperienze del passato. Continuiamo a restare sui nostri passi, con la consapevolezza di avere ancora molta strada da percorrere, ma con l’entusiasmo e la curiosità che ci permettono di continuare a dare forma alle nostre idee e a quelle di chi crede in noi.